Maggio 24, 2017

Mandoloncello e Liuto cantabile

Mario Vorraro

Ci troviamo ancora una volta (vedi mandola tenore) di fronte ad uno strumento la cui origine è un pò vaga. Infatti potendo studiare qualche raro modello antico “sopravvissuto” è risultato che non aveva le dimensioni adatte per agevolargli l’accordatura identica a quella del violoncello:

b1.png

accordatura, secondo me, obbligatoria se si vuole rapportare la famiglia dei mandolini (plettri) a quella dei violini (archi). I motivi per cui in passato non sia stato costruito un modello con Diapason adatto (670mm) possono essere vari, ma io mi limito a pensare che forse ciò era dovuto ad una esigenza di carattere pratico: più grande lo strumento, più complicato suonarlo (essendo, come già accennato nella scheda del mandolino ultracuto gli esecutori dei dilettanti e non veri professionisti). Al mandoloncello può essere aggiunta una quinta corda in acuto (E): ciò per soddisfare una certa letteratura musicale novecentesca napoletana dove lo strumento viene sfruttato molto in acuto. Per questa particolare estensione è stato chiamato anche “liuto cantabile”.
Il mandoloncello di mia produzione può essere sia a quattro o cinque corde doppie.

Tempi di realizzazione: 4/5 mesi.
Peso: 2.000 grammi;
Lunghezza 1150 mm.
Legni usati: palissandro, acero (cassa), ebano, palissandro (tastiera), abete (piano armonico).
Pitturazione: antica (opaca) o brillante (pitturazione a mano con tampone alla gomma lacca).
Numero tasti: 24.
Corde: I^E 0.12 – 2^A 0.20 – 3^D 0.40 – 4^G 0.60 – 5^C 0.80 in acciaio.

Numero doghe: 11/13.

Accordatura:

b2.png

Estensione:
Modello a quattro corde:

b3.png

Modello a cinque corde (liuto cantabile):

b4.png

LIUTO CANTABILE

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mandoloncello

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alcune delle fasi costruttive

Questo slideshow richiede JavaScript.

UN VIDEO IN CUI SI POTRA’ ASCOLTARE IL SUONO DEL “LIUTO CANTABILE”